Checkpoint Europe !


CHECKPOINT EUROPE
DUE GIORNI DI PROIEZIONI, DIBATTITI E CONCERTI
CONTRO TUTTE LE FRONTIERE

13442402_1776513799244034_261052679562685277_n
SABATO 25 GIUGNO

19.00
INAUGURAZIONE DEL FREESPOT DI BOLOGNA A XM24 E AGGIORNAMENTI SULLE DEPORTAZIONI A VENTIMIGLIA E SULLA SITUAZIONE BOLOGNESE
Il Freespot di Bologna nasce come spazio di organizzazione e informazione sia per chi è in viaggio, sia per chi a partire da qui rifiuta le frontiere. Sarà l’occasione per scambiarci aggiornamenti sulla situazione ai confini esterni, per ragionare sull’estendersi delle frontiere sul territorio e per condividere il progetto di supporto al transito.

A SEGUIRE APERICENA CON CIBO GENUINO E CLANDESTINO

20.00
PRESENTAZIONE DEL LIBRO ” L’EUROPA DEPORTA” E DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA INSIEME AGLI AUTORI MATTEO SPERTINI, PAOLO GRASSI E CHRISTIAN PAROLARI
“Un’esperienza di ricerca sociale partecipativa e, allo stesso
tempo, un esperimento di fotografia documentarista.
L’Europa deporta” nasce dall’esigenza di un gruppo di
rifugiati politici ospitati presso una struttura della provincia
di Varese di informare circa la legislazione europea
in materia di asilo politico. Per far sapere che un assurdo
regolamento comunitario obbliga i richiedenti asilo a
tornare nel primo paese europeo in cui hanno fatto ingresso
– in sostanza deportandoli – aspettando che i
lenti tempi burocratici facciano il proprio corso.
Il libro riporta la storia del viaggio di cinque ragazzi e vi
associa un lavoro fotografico.
La parte visuale del testo rifugge però il sensazionalismo,
sostituendovi consapevolmente il distacco della tecnica
dello still life: oggetti simbolo scelti da alcuni richiedenti
asilo per rappresentare il proprio bagaglio lungo il cammino”

DALLE 22.30 CONCERTI E DJ SET

Los Pollos Hermanos (cumbia peruviana)
Dj set
Qulet Sunday (techno Indusrial)

DOMENICA 26 GIUGNO

19.00
PROIEZIONE DEL DOCUMENTARIO ” MANANA INSHALLAH”
“Melilla, cittá europea sul continente africano.
Notte e giorno Ilies guida attraverso la cittá. Tassista irregolare marocchino, Ilies vive fin dalla nascita sul territorio spagnolo, senza poter ottenere i documenti necessari per regolarizzare la sua attività e condurre una vita tranquilla.
Aomar e Mohammed insieme a decine di giovani ragazzi marocchini, vivono nascosti tra gli scogli nelle vicinanze del porto, nella speranza di riuscire un giorno a salire clandestinamente sulle navi mercantili dirette verso il continente europeo.
Climako, giovane camerunense da 5 anni intrappolato a Melilla, è stato espulso dal centro di accoglienza per migranti, e da 7 mesi è costretto a vivere in un accampamento di fortuna in prossimità del centro stesso. Prigioniero di una torbida burocrazia vive una condizione di costante incertezza riguardo al suo futuro.
Seguendo queste tre storie gli autori di “Mañana Inshallah” cercano di illustrare la situazione migratoria a Melilla, luogo simbolo della cosiddetta “accoglienza” europea.”

21.00
CENA GENUINA CLANDESTINA MAROCCHINA

Bologna No Borders
Sim – Scuola d’italiano con migranti

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)